27 giugno 2011

Sempre incolpata..

Sono sempre incolpata di tutto.. ma è possibile?! Sono tornata pensando di stare in pace.. con la mia famiglia che non vedevo da mesi e invece mi fanno passare l'inferno, dicono che senza di me stavano meglio, molto meglio. Che le litigate non c'erano.... adesso anche le litigate, non è possibile che faccio litigare gli altri non è colpa mia e ora per giunta dovrei andare in vacanza con la mia famiglia tra due giorni.... e andare al mare......


Io non ce la faccio... quanto stavo bene prima... quando ero a 1000 Km lontana da casa... stavo molto meglio. Ero sola ma indipendente, me la cavavo: Adesso anche se faccio la cena, sistemo la casa e la faccio diventare pulita si incazzano.
Pure mio padre... lui vuole solo la perfezione, poi c'ha un caratterino lui..... 
Se avessi i soldi... se fossi maggiorenne e avessi un diploma fra le mani me ne andrei... farei un lavoro qualunque in un bar o cosî....


Dovrei iniziare a lavorare in un albergo e questi mi piaceva prima perchè la vedevo una cosa carina e bella ma ora che si avvicina sempre di più il primo giorno di lavoro mi spaventa tanto.. davvero tanto. Penso che non sarò giusta per loro... non riuscirò a fare i calcoli e sarò solo un incapace......


Sapete cosa vorrei adesso?! Vorrei solo morire... lasciare questo mondo... non mi ci trovo, per niente!
Vorrei solo andare a trovare mia madre, rimanere con lei..... l'unico mio desiderio....

3 commenti:

  1. Tesoro mio NON DIRE COSì.
    Scusami, so che forse non serviranno nemmeno le mie parole a consolarti, perchè posso capire come ti stai sentendo... quella sensazione di venire giudicati da tutti come uno sbaglio, quel fare il possibile per compiacere gli altri ma non riuscirci mai, quel non poterne più, non ricevere gli incoraggiamenti che vorremmo e il venire criticate per cose di cui non abbiamo nemmeno colpa.
    Io non posso sapere che i tuoi famigliari, tuo padre compreso ti criticano dopo tutto quello che hai fatto per loro. Ma ti credono forse nel ruolo di tua madre? Non è giusto piccola! NOn è giusto! Sei una ragazza che se la caverebbe in qualsiasi situazione, di questo ne sono sicura al 100%, ma sei una ragazza di 17 anni, ricordalo SEMPRE! Te lo ho scritto anche per messaggi, tu hai diritto di sognare di fare qualcosa che una ragazza della tua età vorrebbe fare. E io lo so meglio di chiunque altro che tu vorresti uscire con le tue amiche conosciute in Inghilterra la sera, vestire nella tua tanto desiderata taglia 40, avere un ragazzo da cui sentirsi amata, baciata e abbracciata. E' tutto ciò che vorrei anche io sai... siamo due ragazze nel pieno dell'età più bella di tutta la nostra vita, ma siamo qui chiuse in casa ad obbedire ai nostri, a soffrire, a contare le calorie, a sentirci troppo ingombranti e sbagliate. Ci basterebbe uscire per capire che non è così. Ma fra le mura di casa tutto ciò che esce dalla bocca di chi ci conosce più di tutti è come l'unica prova su cui ci basiamo per giudicarci.
    Tutto questo finirà... ma NON perchè tu devi sparire o morire, non voglio sentirti dire queste cose piccola perchè sarei la prima a soffrirne perchè anche se al di là di un pc lo vedo chiaramente dalle tue parole che tu non sei quello che tu ti senti ora. Non lo sei! Sicuramente questa serata è stata pesante per te... Ma perchè domani non esci per conto tuo e li lasci tutti a casa a sentire la tua mancanza? Perchè non li ignori per un giorno, così vedi come fanno senza di te?
    Se hanno da crticarti dopo tutto quello che fai per loro, allora è giusto che sentano cosa vuol dire non avere Lara a casa, che prepara da mangiare, che pulisce, che fa ordine, che sistema... e magari anche tua sorella anzichè criticarti comincerebbe a darsi da fare un po'.
    Mi dispiace per tuo padre perchè sarà nervoso sicuramente per i problemi che ha avuto... e riguardo al suo perfezionismo non ho niente da dire perchè anche il mio è così, se non peggio. Non sai quante volte mi ha fatta piangere e sentire una nullità mio padre... solo che ora ci passo su, ho capito che è incontentabile, e che per avere un po' di stima da parte sua e mia madre devo sparire dalla circolazione un po'. Prova anche tu.
    Fai qualcosa per te stessa, esci a correre, rilassati, prendi del tempo per riflettere e pensare e vedrai che ti passeranno le paure per il lavoro. Tu saresti una perfetta receptionist, io ne sono certa al 100%... è normale che tu ti senta in ansia, stai per iniziare il tuo primo vero lavoro, ma CE LA PUOI FARE BENISSIMO.
    Se hai bisogno o voglia di sfogarti, sai che puoi scrivermi sempre, in qualsiasi momento.
    E sai anche che ti voglio un bene infinito piccola <3 <3
    ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  2. Un consiglio: quando stai per scoppiare, piangi, se non ci riesci ascolta una canzone triste e scoppia in lacrime dove nessuno può sentirti, ti aiuta tantissimo davvero. Io ieri ho pianto per mezz'ora, e mi sono sentita meglio.
    E so benissimo com'è quella sensazione di voler tornare dove si era prima, a 1000km di distanza, quando ci si sentiva SERENE, e davvero vive. VIVE nel vero senso della parola. Io qui mi sento morta ogni giorno di più... non sai cosa darei per partire via lontano e lasciare tutto qui, anche i miei, e ritrovare la mia libertà.

    RispondiElimina
  3. Non pensare di morire e non sentirti inadatta! Capisco la sensazione terribile di fare bene tutto e di non avere un minimo riconoscimento da parte dei tuoi. Lo so, terribile. E se la situazione è tanto insostenibile fuggire e essere libera è un'ottima soluzione. Ma non pensare di finirla, perchè sei una persona che merita di stare su questa terra e sei in gamba. Non lasciarti abbattere da commenti e da risposte acide. Sii superiore, dimostra loro che puoi fare tutto e bene e che non t'importa della loro opinione! Tu sei cento mila volte meglio. Vedrai che se ne accorgeranno. Un abbraccio <3

    RispondiElimina