30 agosto 2011

A chi frega veramente di me?

Oggi sono andata a scuola.... non è andata meglio di ieri.

ODIO quella scuola
ODIO quella gente.

Stavo per perdere il bus... io solitamente mi sveglio intorno alle 6.00 così ho il tempo di prepararmi con calma e alle 7.15 ho il bus. Questa mattina mio padre si alza e va a svegliare mia sorella e mio fratellino alle 7.00 che loro devono uscire di casa dopo di me e cmq a ME lui non mi ha svegliata... io fortunatamente mi sono svegliata perchè l'ho sentito mettersi a letto e ho guardato l'orologio.
Ero in ritardo... ma in 12 min sono riuscita a vestirmi, lavarmi e truccarmi un po' alla caxxo e prendere il bus in tempo.

Io sono rimasta tutta la notte a disposizione di mio padre che aveva bevuto TROPPO e non si reggeva quasi in piedi... così mi sono alzata ogni volta che sentivo un rumore ed era sempre lui che ogni 2 ore o 1 ora e mezza doveva andare i bagno a fare pipì.... così io avendo la camera vicino alla sua e il sonno leggero mi alzavo lo aiutavo ad andare in bagno e tornare e letto anche se lui mi malediceva, diceva che ce la poteva fare da solo anche se NON era così.... io accettavo e mandavo giù... poi tornavo a letto.. piangevo e mi addormentavo cosî quindi non ho dormito molto.

Oggi tornando a casa per pranzo (dove mi sono abbuffata in camera mia) lui non mi ha ne RINGRAZIATO, ne chiesto NIENTE, come era andata la scuola o come mi trovavo. Io sono andata in camera e basta.
Non ce la faccio più a vivere cosî....... o le cose cambiano. Se no non so dove andare a parare...... ora voglio solo andare bene a scuola e dimagrire che è la cosa più importante!

Mi dispiace che non sto passando molto dai blog ma questa sera cerco di farlo! Devo mettere a posto delle cose ma tanto la cena la voglio saltare così passerò di qua!

Speriamo in bene per il pomeriggio...

Un bacione..

Laretta

5 commenti:

  1. Mi dispiace tanto per la tua situazione. Posso solo dirti di tenere duro quanto basta per non esplodere.
    Forza e coraggio!

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace per ciò che stai passando..
    Spero davvero che la situazione migliori,te lo meriti.
    Ti sono vicina

    RispondiElimina
  3. A volte i genitori si comportano come dei bambini,purtroppo è cosi...
    spero che capisca che sei stressata e che deve cercare di accudire te piuttosto che viceversa!
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Stella, ecco questo commento volevo lasciartelo oggi prima che mi si cancellasse: io davvero non concepisco come tuo padre possa trattarti con questa indifferenza, mi innervosisce soltanto saperlo, pensando a quanto tu fai per lui... questi nostri padri sono troppo ciechi, vedono solo ciò che vogliono vedere. Dovremo opporci, ribellarci con il più totale disinteresse nei loro confronti. Magari così capirebbero qualcosa... ricordati sempre che si apprezzano le cose quando non si hanno più.
    Questa sera sono di poche parole, ma piccola, devi difenderti e pensare alla TUA felicità. Darne a tuo padre, cercare di farlo stare meglio, non serve a niente a questo punto se non a farti stare peggio.
    Lascia che sia lui a chiederti aiuto.

    Ti voglio bene, spero che questo periodo orribile passi per entrambe!

    RispondiElimina
  5. Non pensare a passare tra i blog, ma cerca di mettere apposto le tue idee. Lascia stare tuo padre, non pensare a lui, ma pensa a cosa fartene della tua vita. Non pensare ma reagisci. Vai a camminare, corri, urla, canta. Ma non pensarci. Agisci. E basta.

    RispondiElimina