19 novembre 2012

Fine..





Stasera è venuto un signore a casa che ho invitato per poter parlare con mio padre e dirgli in pratica che me ne vado di casa perchè per cose burocratiche nonostante io sia maggiorenne per avviare più velocemente le pratiche ci vuole la firma di mio padre allora per non affrontare la cosa da sola ho chiesto a questo assistente sociale di venire con me. Lui ha accettato volentieri e ci siamo ritrovati attorno al tavolo in salotto, mio padre da una parte e io vicino a questa persona, D. Lui ha iniziato gentilmente a dire a mio padre come stavano le cose, la mia scelta di andarmene per il mio malessere in casa. Io so come stanno le cose e per chi mi segue lo sa perchè lo scrivo da anni e lo vivo da 9 anni... Quando D. ha fatto una pausa mio ha padre ha detto.. ditemi una data.. una data di quando se ne va. Non so il motivo ma se questo è quello che vuole. Già il fatto che anche il quella situazione ha voluto ancora fare finta di capire... nonostante io gli abbia sempre detto quello che non andava pure a settembre quando è stata l'ultima volta che abbiamo pesantemente e io avevo detto che se le cose stavano così, se non ci fossero stati cambiamenti e lui mi fosse venuto un po' in contro io me ne sarei andata.. questo sta succedendo ma ancora non vuole capire. Dopodichè ha detto tutte le spese che ha dovuto affrontare per me ma se io non percepivo uno stipendo come potevo pagarle queste cose?!?!
Dopo la discussione mio padre ha detto.. questa scelta è una scelta sbagliata fatta da immaturi perchè questo non è ancora il momento di andarse a 19 anni.. ma accetto senza fare guerre dico solo che dopo che se n'è andata che non ritorni più indietro... sono vendicativo e che se esce da quella porta non può tornare indietro..

Inevitabilmente io sono scoppiata in lacrime non capisce che se sto li io non ricevo comunque niente da parte sua?! Io me ne vado per stare meglio per poter mangiare di nuovo decentemente... per poter di nuovo respirare... forse tra anni pensavo si potesse tornare ad un rapporto dato che adesso questo è inesistente invece mi dice così... io che l'ho sempre cercato in tutti i modi questo cavolo di rapporto e mi dice così.... potessi me ne andrei questa sera.. purtroppo non posso.. devo ancora aspettare... ma non importa tanto non parliamo da settembre tranne una volta a ottobre e stasera anche se io ho parlato pochissimo eprchè mio padre diceva a questa persona cosa dirmi e non direttamente a me... io che aspettavo una sua mossa e gliel'ho pure detto che non volgio sempre essere io ad andare da lui... la cosa non gli è arrivata e anzi vuole tagliare i ponti appena me ne esco... ok farò così... non ci sarò più per lui.... ma perchè mi rende così triste la cosa... perchè sono in lacrime da quando ho sentito quelle parole... io non penso di meritarmi questo... devo sempre stare male.... io volevo solo che si sistemassero le cose... già sapevo che cosi non sarebbe mai stato e tante perosne me lo hanno sempre detto ma io avevo sempre questa speranza.. d'alto canto non ho più mia mamma e non ho parenti con cui parlo per via sempre di mio padre che ha tagliato i ponti tanti anni fa... per fortuna ho un ragazzo che mi ama... l'unica cosa che mi fa stare a galla.. l'unica cosa per cui continuare davvero a vivere fregandomene di quello che pensa mio padre...
Io voglio andarmene per stare meglio ma lui non capisce...non vuole nemmeno provarci se no mi sarebbe venuto un po' in contro anche di mezzo passo..... invece niente.

Va bene..ma da oggi basta.. basta lacrime per lui basta pianti e essere tristi. Da oggi devo sorridere... devo andare a testa alta... ma come mai allora sono anocra in lacrime?! Ma le donne sono così no?! Piangono.. si sfogano poi si rialzano e sono più forti di prima... non è così?!
Mi sono rialzata troppe volta ma voglio farlo ancora ma non cadere più!! non voglio cadere più!!!

5 commenti:

  1. Crescerai forte e senza il bisogno di nessuno...<3

    RispondiElimina
  2. Tata,questi sono momenti difficilissimi davvero....ma quando li avrai superati,sarai più forte e sarai diventata una persona adulta.
    Concentrati sul tuo futuro,lasciati alle spalle chi non ti vuole,hai tutta una vita davanti.Non vuole capire?Che s'arrangi,non sprecare forze e tempo per cercare di spiegargli.Va bene essere buoni,però il troppo storpia e come vedi ci rimetti.Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...perciò pensa alla tua vita futura,a costruirtela.Se alla tua famiglia(mi suona strano chiamarla così...) salterà il pallino di contattarti...beh,che vengano a cercarti,non sei tu quella con la coscienza sporca.
    Dai tata,stai facendo passi da gigante.^_^ Tuo padre sa già tutto!Ti rendi conto??!!?Adesso devi soltanto trovarti l'appartamento e...finalmente respirerai!!!!!Dai,che manca poco!!
    Un abbraccione coccoloso!! <3

    RispondiElimina
  3. Guarda te se devo scrivere un commento e questo impiastro me lo ha perso...Grrrrr...
    Allora...tata,hai fatto un passo enorme:tuo padre adesso SA.SA CHE TE NE ANDRAI.Mesi a parlarne e adesso si è avverato.Ti rendi conto???Adesso devi solamente cercarti l'appartamento e poi,finalmente,respirerai!!!!Stai andando avanti come un treno!!!!! :-)))
    Devi solo concentrarti sulla tua vita futura,senza perder tempo e sprecare energie per cercare di capire delle menti ottuse.Lui non vuole ascoltarti?Benissimo,rispetta la sua volontà.Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire,purtroppo...ma lui ha voluto così.So che è durissima,mia madre ti capirebbe,anche lei era rifiutata da suo padre...ma tu non fare l'errore che ha fatto lei,di sperare sempre che lui cambi,ecc...Fatti la tua vita,pensa solo a quella,altrimenti tutto sarà stato vano!!Se poi,un domani,la tua famiglia(mi suona strano chiamarla così...)deciderà di riprendere i contatti con te,ben vengano,non sarai tu a cacciarli.Ma non essere troppo buona,perchè anche nel bene,il troppo storpia.Del resto,lo vedi da te che ci rimetti solo tu...Dai Tata,stai andando avanti bene.Passato questo momento,sarai una persona autonoma,forte e adulta.E potrai anche aiutare/consigliare chi avrà le tue stesse difficoltà.
    Ti mando un abbbraccio coccoloso!! ^_^ <3

    RispondiElimina
  4. Quanto ti capisco... me ne sono andata di casa anch'io, anche se a distanza di tanti anni devo ammettere che forse è stata più una fuga, comunque l'ho fatto per lo stesso motivo... stavo male... ero invisibile, chiedevo solo un po' di attenzione, chiedevo solo di essere appena appena vista, ma niente, zero, non c'era verso. Non mi sento di dirti che dopo andrà meglio, perchè ci vorrà tanto ma tanto per "smaltire" questo dolore e forse l'unica cosa che si può fare è lasciarlo andare, viverlo fino in fondo.
    Ti posso garantire però che un giorno, arriverà la fine e sarai orgogliosa di te e di ciò che hai fatto e tutto quel dolore ti sarà utile.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  5. è una decisione importante, spero che d'ora in avanti la vita ti sorrida, te lo meriti :)

    un abbraccio,
    Allena

    RispondiElimina